La bella addormentata si sveglia

8 la bella addormentata si sveglia

L’idea di “La bella addormentata si sveglia” nasce dalla convinzione che gli stereotipi che provengono dall’immaginario delle favole agiscono negativamente sui bambini, condizionandone l’immagine che avranno di loro stessi e del genere opposto al loro. Il messaggio che lasciano trapelare non può che essere negativo: le donne forti sono personaggi cattivi, poiché la loro indipendenza costituisce una minaccia per l’ordine patriarcale, la donna buona, che deve ispirare un modello a cui le bambine devono aspirare, è una figura debole, sottomessa e dipendente, che deve farsi necessariamente salvare da un uomo. In questo corto, attraverso la messa in scena della favola, e le reazioni che suscita nelle bambine e nei bambini, abbiamo voluto mettere l’accento sulla necessità di abbattere le immagini stereotipate e sul modo in cui i bambini maschi e gli uomini avvertono come minaccia all’ordine patriarcale l’emancipazione femminile.

REGIA: Diletta D’Ascia SCENEGGIATURA: Diletta D’Ascia INTERPRETI: Miriam Rustici, Alessia Capua, Alessandro François Severino, Alice Fochesato, Benedetta Viola, Sofia Versace, Alice Versace, Chiara Caldarelli, Valeria Forotti, Andrée Marie Angeli Martinelli FONICO: Gianluca Bonucci, ASSISTENTE ALLA REGIA: Caterina Trotta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...